I ragazzi e lo smartphone

Lo smartphone, oggi sempre più diffuso tra gli adolescenti e non solo, inizialmente rappresentava uno strumento di elite, a disposizione di pochi e simbolo di benessere economico. Successivamente la sua diffusione ha consentito di soddisfare il bisogno di vicinanza, trasformando le relazioni quotidiane e aumentando le occasioni di intimità, rischiando anche di violare la libertà personale.
Oggi lo smartphone ci accompagna nella nostra giornata , organizzando e gestendo i vari momenti della nostra quotidianità.

Le difficoltà degli adolescenti nell’impatto emotivo diretto, le loro insicurezze relazionali trova un ponte proprio nell’utilizzo dello smartphone, usato sempre più come difesa.
Nonostante i genitori sostengano l’idea del precoce utilizzo dello smartphone da parte di bambini e ragazzi, trovano in esso la risposta al proprio bisogno di essere e restare costantemente presenti nella vita dei propri figli. Il rischio è che lo smartphone diventi un sostituto della comunicazione reale, prendendo il posto della realtà e alimentando l’idea che la comunicazione virtuale sia uguale a quella reale.

Un altro rischio è l’idealizzazione delle relazioni virtuali e l’abuso di questo tipo di comunicazione che può comportare l’isolamento dalle relazioni reali.
La comunicazione attraverso lo smartphone potrebbe finire per diventare l’unica modalità per mettersi in contatto, in relazione privando della possibilità di sviluppare la tolleranza alle frustrazioni, all’attesa e lo sviluppo della creatività.
Importante per i genitori è considerare e valutare eventuali segnali di dipendenza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*